Ultima modifica: 6 Aprile 2022

BENVENUTA DANIIELA

Anche la scuola primaria Renzo Pezzani ha accolto una nuova alunna ucraina fuggita dalla guerra.

Mercoledì 24 marzo era giunta la comunicazione del suo arrivo alle insegnanti e giovedì Daniiela era già in classe, accolta con calore e tanta, tantissima simpatia dai nuovi compagni di 5^B.

La bambina è arrivata a Villa Raverio con la mamma, raggiungendo la nonna che vive in Italia da alcuni anni. L’affettuoso abbraccio di nonna Lucia, si è esteso a quello delle maestre, poi a quello sempre più grande dei nuovi amici della Pezzani che le hanno organizzato un’accoglienza colorata e calorosa. 

 

Sul cancello della scuola, a sorriderle, c’era uno striscione con la scritta WELCOME DANIIELA, dipinta con i colori della bandiera ucraina; accanto la bandiera d’Italia, quella con i colori della pace e tanti palloncini gialli e blu.

Quando la maestra, con la voce rotta dall’emozione, ha annunciato “Accogliamo oggi nella nostra scuola Daniiela e le diciamo benvenuta” è scrosciato un forte applauso e gli occhi di molte mamme si sono riempiti di lacrime.

Dolce il sorriso della bambina e accorato il ringraziamento della nonna che l’aveva accompagnata a scuola, mentre la mamma era andata a cercare un lavoro.

In classe, la difficoltà di capirsi è stata attenuata dalla grande quantità di disegni con parole di affetto, facili e immediati da comprendere, che i compagni delle altre classi le avevano preparato.

Giovedì 31 marzo si è svolta l’accoglienza ufficiale: i bambini di tutte le classi della Pezzani si sono stretti attorno a Daniiela con canti e poesie per offrirle la loro amicizia, donandole la maglietta e la sacca con il simbolo della scuola, di cui lei farà parte per tutto il tempo che le occorrerà perché le siano risparmiati gli orrori della guerra.

 

 

 

Durante l’evento è stato compiuto un gesto significativo: la piantumazione di una piantina di ulivo, simbolo di pace, rinascita e speranza, da parte dei ragazzi delle classi quinte. Toccante è stato il saluto in lingua rumena (altra lingua parlata da Daniiela, oltre all’ucraino) e l’abbraccio di due ragazzi di classe quarta, Miriam e Mattia che già nei giorni scorsi si sono prestati per aiutare nella mediazione linguistica.

 

Per l’occasione erano presenti anche la dirigente scolastica, la vicepreside, la presidente del Consiglio d’istituto e del Comitato genitori, il sindaco e una rappresentante dell’UNICEF. La nostra scuola infatti ha aderito alla raccolta UNICEF per l’emergenza Ucraina: in questi giorni i ragazzi di quinta si sono impegnati a raccogliere le donazioni, passando per le classi e facendosi portavoce di un’Italia che ripudia la guerra e che apre le sue mani all’ascolto, all’aiuto, alla cura e alla pace per tutti i bambini del mondo.

 

 

 

 

 

 

Con tutto ciò ecco un’occasione preziosa per aiutare i ragazzi a guardare alla vita con fiducia, ma anche con l’impegno di sostenere e collaborare alla possibilità della pace.