Ultima modifica: 8 Gennaio 2018
Istituto Comprensivo "Giovanni XXIII" > Circolari > Genitori > 175 esami conclusivi del primo ciclo, valutazione comportamento

175 esami conclusivi del primo ciclo, valutazione comportamento

175 esami conclusivi del primo ciclo, valutazione comportamento

Circ.n.  175                                                                           Besana in Brianza, 8 gennaio 2018

                                                                                                Ai genitori

                                                                                               Agli Atti

 

OGGETTO: esami conclusivi del primo ciclo, valutazione comportamento

Di seguito si forniscono alcune informazioni relative a quanto introdotto dal Dlgs. 62 del 2017.

Il comportamento non verrà più valutato con voto in decimi, ma mediante giudizio sintetico (seguirà circolare con i criteri di valutazione)

 

Ammissione all’esame

Le alunne e gli alunni frequentanti le classi terze di scuola secondaria di primo grado sono ammessi all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione in presenza dei seguenti requisiti:

  1. a) aver frequentato almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato, definito dall’ordinamento della scuola secondaria di primo grado, fatte salve le eventuali motivate deroghe deliberate dal collegio dei docenti;
  2. b) non essere incorsi nella sanzione disciplinare della non ammissione all’ esame di Stato prevista dall’articolo 4, commi 6 e 9bis, del decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249;
  3. c) aver partecipato alle prove INVALSI di italiano, matematica e inglese predisposte dall’Invalsi.

 

Prove Invalsi

 

Le prove INVALSI non saranno più parte integrante dell’esame, ma si svolgeranno entro la seconda decade del mese di aprile e la relativa partecipazione rappresenta requisito di ammissione all’esame al di là del risultato conseguito. Di nuova introduzione, la prova di inglese sia per la scuola secondaria che per la scuola primaria.

 

Esame di Stato

 

L’esame di Stato è costituito da tre prove scritte ed un colloquio, valutati con votazioni in decimi. Le prove scritte, finalizzate a rilevare le competenze definite nel profilo finale dello studente secondo le Indicazioni nazionali per il curricolo, sono:

  1. a) prova scritta di italiano intesa ad accertare la padronanza della stessa lingua;
  2. b) prova scritta relativa alle competenze logico matematiche;
  3. c) prova scritta, relativa alle competenze acquisite, articolata in una sezione per ciascuna delle lingue straniere studiate. (prova scritta di inglese e francese/spagnolo)

 

Il colloquio è finalizzato a valutare le conoscenze descritte nel profilo finale dello studente secondo le Indicazioni nazionali, con particolare attenzione alla capacità di argomentazione, di risoluzione di problemi, di pensiero critico e riflessivo, nonché il livello di padronanza delle competenze di cittadinanza e delle competenze nelle lingue straniere.

L’esame si intende superato se il candidato consegue una votazione complessiva di almeno sei decimi.

 

Certificazione delle competenze nel primo ciclo

 

La certificazione descrive lo sviluppo dei livelli delle competenze chiave e delle competenze di cittadinanza progressivamente acquisite dalle alunne e dagli alunni,  valorizza eventuali competenze significative, sviluppate anche in situazioni di apprendimento non formale e informale.

In allegato alle competenze sopraindicate INVALSI fornirà il documento con i livelli di apprendimento conseguiti nelle Prove Nazionali di Italiano, Matematica e Inglese.

La certificazione, compilata sulla base di un modello nazionale, è rilasciata al termine del primo ciclo dell’istruzione.

 

                                                                                      IL DIRIGENTE SCOLASTICO

                                                                                                     * Elisabetta Biraghi           

                                                                (* La firma è omessa ai sensi dell’ART. 3,D.toLgs.12/02/1993, n. 39)